definizione di Osteopatia
Spiegazione e definizione

L’osteopatia è un fondato e riconosciuto sistema di diagnosi e trattamento, il quale pone la sua principale enfasi sull’integrità strutturale e funzionale del corpo. L’osteopatia riconosce che molti dolori, invalidità e danni causati dalla malattia, originano da abnormalità della funzione della struttura corporea.

Non si sostituisce ma integra la medicina tradizionale.

definizione di Osteopatia

Storia

A.T. Still nacque in Virginia nel 1828. Il padre era un pastore metodista e medico. Fin da giovane, Still decise di seguire le orme paterne nella carriera medica. 
Dopo aver studiato medicina e aver effettuato un periodo di apprendistato presso il padre, Still divenne un “medical doctor” nello stato del Missouri. Più tardi, agli inizi del 1860, egli completò i suoi studi al College of Physicians and Surgeons a Kansas City nel Missouri e servì la sua patria come medico nell’Union Army durante la Guerra Civile.

Dopo la guerra e a seguito della morte di tre dei suoi figli per meningite spinale, nel 1864 Still giunse alla conclusione che la medicina ortodossa praticata a quei tempi era frequentemente inefficace e a volte dannosa. Egli dedicò gli anni successivi allo studio del corpo umano e alla ricerca di vie migliori per trattare le malattie. 

Le sue ricerche e le sue osservazioni cliniche lo indussero a credere che il sistema muscoloscheletrico avesse un ruolo di vitale importanza nella salute e nella malattia, e che il corpo contenesse tutti gli elementi necessari per mantenere uno stato di benessere. Still credeva che attraverso una correzione dei disturbi strutturali del corpo, tramite l’uso di tecniche manuali, fosse possibile potenziare le capacità d’autoguarigione proprie del corpo stesso. Inoltre insisteva sul fatto di indirizzare il trattamento all’intera persona piuttosto che ai sintomi. 

Questi principi formarono le basi per un nuovo approccio medico: l’osteopatia.
Basandosi su questa filosofia, il Dr. Still aprì la prima scuola di osteopatia a Kirksville nel Missouri. Era il 1892. 

La diffusione in Europa dell’osteopatia avvenne all’inizio del ‘900, quando il Dr. John Martn Littlejohn, uno studente del Dr. Still, fondò la Britsh School of Osteopathy nel 1917.

Diagnosi

L’esame strutturale valuta la postura, la colonna vertebrale e l’equilibrio. Successivamente vengono palpati il tronco e le estremità e vengono controllate le articolazioni in relazione a restrizioni di movimento e/o di dolore durante il movimento. La densità di muscoli, tendini e legamenti, può evidenziare un problema.
Sempre attraverso la palpazione l’osteopata può individuare dei cambiamenti dello stato dei tessuti significativi di patologie. Al termine dell’esame strutturale, vengono integrate le suddette informazioni con l’anamnesi e l’esame fisico completo del paziente (esami strumentali e di laboratorio). Conseguentemente si stabilisce il piano di trattamento.

TRATTAMENTO

Usando differenti tecniche manipolative, l’osteopata applica delle forze manuali alle zone del corpo disfunzionali, per trattare le abnormalità strutturali; quindi applica specifiche forze correttive per ridurre le restrizioni articolari e i disallineamenti. 

Manipolando questa rete di relazioni tra nervi, muscoli e ossa, l’osteopata può favorire le naturali tendenze del corpo verso la guarigione e mantenere una buona salute. In relazione al tipo di disturbo, il paziente può necessitare di più trattamenti. 

L’OMT associato alla filosofia osteopatica di cura olistica, prevenzione e prontosoccorso, fa dell’osteopatia una terapia unica”.

Il Trattamento Manipolativo Osteopatico secondo il General Osteopathic Council (Osteopathy in the United Kingdom):

"Gli osteopati lavorano con le loro mani usando una vasta varietà di tecniche di trattamento. Queste possono includere delle tecniche sui tessuti molli, delle tecniche di mobilizzazione articolare passiva oppure delle tecniche thrust ad alta velocità, finalizzate ad aumentare la mobilità e il range di movimento dell’articolazione. Le tecniche di rilasciamento dolce sono usate di frequente, in particolare quando l’osteopata tratta i bambini e i pazienti anziani. Questo permette al corpo di ritornare alla normale efficienza funzionale. Quando il paziente viene visitato per la prima volta, viene sottoposto a una raccolta anamnestica e a una esaminazione. L’osteopata esegue una semplice serie di movimenti. Di seguito l’osteopata usa uno sviluppato senso del tatto, chiamato palpazione, per identificare alcuni punti di debolezza (difetto) o di eccessiva sollecitazione del corpo. Gli osteopati posso necessitare di ulteriori esami diagnostici come le radiografia e gli esami del sangue. Questo permette di formulare una diagnosi e un appropriato piano di trattamento".

Principi e filosofia osteopatica

Il Trattamento Manipolativo Osteopatico secondo l’American Osteopathic Association (AOA): 

"L’osteopata usa l’OMT per fare diagnosi, per trattare e anche prevenire la malattia. L’OMT è una terapia non invasiva. Mentre la medicina manuale comunemente è associata a disturbi di tipo fisico, come la lombalgia, l’OMT può anche essere usato come supporto per differenti disturbi muscoloscheletrici legati a determinate patologie, come asma, tunnel carpale, cefalea e dolori mestruali. L’OMT può servire nei dolori muscolari associati a una patologia e può facilitare la guarigione favorendo il flusso sanguigno attraverso i tessuti."

I quattro principi 

  • Il corpo è un’unità; la persona è un’unità di corpo, mente e spirito.
  • Il corpo ha le capacità di auto-regolarsi, di auto-guarire e di mantenere la salute.
  • Struttura e funzione sono reciprocamente correlate.
  • La logica del trattamento è basata sulla comprensione dei principi fondamentali di unità del corpo, autoregolazione e interrelazione tra struttura e funzione​​​​​​

La Filosofia 

  • L'osteopatia o la medicina osteopatica è una filosofia una scienza e un'arte. la sua filosofia abbraccia il concetto d'integrità delle strtture e delle funzioni corporee nella salute e nella malattia.
  • L'osteopatia ricerca la salute, tutti sono in grado di trovare la malattia. 
  • L'uomo è una macchina creata da Dio. Dio non costruirebbe macchine che non funzionano bene. 
  • Il corpo possiede in se stesso tutti i farmaci che gli servono.  

A. T. Still 

L'OSTEOPATA

L’osteopata applica forze manuali a zone del corpo disfunzionali allo scopo di eliminare restrizioni articolari, disallineamenti e asimmetrie. Attraverso un ampio ventaglio di tecniche manipola la rete di relazione tra nervi, muscoli e ossa, favorendo il mantenimento dello stato di una buona salute.

"L’osteopata pratica un approccio medico indirizzato a tutta la persona. Invece di trattare specifici sintomi, l’osteopatia concentra il suo trattamento sull’intera persona. L’osteopata cerca di comprendere come tutti i sistemi corporei siano interconnessi e come ognuno di essi incida sugli altri. Gli osteopati mettono particolare attenzione sul sistema muscoloscheletrico, il quale riflette e influenza la condizione di tutti gli altri sistemi corporei. Questo sistema formato da ossa e muscoli costituisce circa i due/terzi della massa corporea e la maggior parte dei pazienti sono esaminati con attenzione valutando queste importanti strutture. L’osteopata sa che la struttura del corpo gioca un ruolo critico nella sua abilità di funzionare. Gli osteopati possono usare i loro occhi e le loro mani per identificare i problemi della struttura e per sostenere la tendenza naturale del corpo verso la salute e l’autoguarigione.

Inoltre l’osteopata usa le proprie orecchie per ascoltare il paziente e le sue preoccupazioni relative alla salute. Gli osteopati aiutano i pazienti a sviluppare un atteggiamento e uno stile di vita che possano combattere la malattia. Gli osteopati valutano i pazienti considerando le loro condizioni psichiche, mentali e i relativi fattori emotivi (di casa, lavorativi e familiari, ecc.). Il trattamento osteopatico è applicato alla prevenzione, alla diagnosi e al trattamento della malattia e della lesione."